Gli ambiti di attività e gli sbocchi professionali sono i diversi comparti dell’industria di trasformazione e di aziende/enti erogatori di beni e servizi, le strutture tecniche private o della pubblica amministrazione preposte alla gestione e al controllo dell’ambiente, dell’energia e della sicurezza, nonché un ampio spettro di attività professionali libere inerenti la gestione ed il controllo di opere d’ingegneria civile-ambientale per le quali sia richiesta attitudine alla gestione di processi complessi.

Il Laureato in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, naturalmente, potrà proseguire gli studi con una Laurea Magistrale

 

La Tabella che segue riporta, in maniera schematica, quanto sopra esposto, specificandolo per diversi profili professionali che il CdS intende formarle. 

 

Profilo professionale che il CdS intende formare Principali funzioni e competenze della figura professionale
Ingegneri edili e ambientali FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO

Progetta, sovrintende alla realizzazione e gestisce opere edili, con particolare riferimento a quelle relative alla difesa del territorio e al risanamento ambientale.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE

Il laureato in Ingegneria per l’ambiente e il territorio potrà svolgere tali funzioni grazie alle competenze acquisite in materia di: caratterizzazione e monitoraggio della qualità ambientale; progettazione e gestione di processi di processi di depurazione delle acque e delle acque reflue e di trattamento e smaltimento dei rifiuti solidi; progettazione e gestione di infrastrutture idrauliche, geotecniche e sistemi strutturali semplici a servizio della difesa del territorio e la tutela ambientale; analisi di sistemi urbani e territoriali; analisi di sistemi di mobilità e trasporto sostenibili.

SBOCCHI PROFESSIONALI

Possono essere individuati nelle strutture, appartenenti alla Pubblica Amministrazione oppure al settore privato, che si occupano: i) della gestione e del controllo della qualità e della sicurezza ambientale; ii) della pianificazione urbanistica e del territorio; iii) della progettazione, realizzazione e gestione delle opere edili e ambientali e di impianti per il trattamento di acque, reflui e rifiuti. Gli sbocchi professionali includono l’esercizio della libera professione nei succitati settori di interesse.

Tecnici delle costruzioni civili e professioni assimilate FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO

Sovrintende alla realizzazione e gestione di opere tipiche dell’ingegneria civile (edifici, infrastrutture, …) , nonché all’esecuzione delle attività in campo propedeutiche alla loro realizzazione, ponendo attenzione alle interazioni delle azioni antropiche con l’ambiente.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE

Il laureato in Ingegneria per l’ambiente e il territorio potrà svolgere tali funzioni grazie alle competenze acquisite in materia di: analisi delle caratteristiche geologiche e geotecniche del suolo e del sottosuolo; progettazione e gestione di di infrastrutture geotecniche e sistemi strutturali semplici a servizio della difesa del territorio e la tutela ambientale; analisi di sistemi urbani e territoriali; analisi di sistemi di mobilità e trasporto sostenibili.

SBOCCHI PROFESSIONALI

Possono essere individuati nelle strutture, appartenenti alla Pubblica Amministrazione oppure al settore privato, che si occupano: i) della pianificazione urbanistica e del territorio; ii) della progettazione, realizzazione e gestione di semplici opere di ingegneria strutturale e geotecnica. Gli sbocchi professionali includono l’esercizio della libera professione nei succitati settori di interesse.

Tecnici dell’esercizio di reti idriche e di altri fluidi FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO

Collabora alla progettazione, realizzazione, verifica, gestione e controllo di opere tipiche dell’ingegneria idraulica (reti idriche e fognarie, …), nonché di reti di approvvigionamento di gas.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE

Il laureato in Ingegneria per l’ambiente e il territorio potrà svolgere tali funzioni grazie alle competenze acquisite in materia di fluidodinamica, progettazione e gestione di infrastrutture idrauliche.

SBOCCHI PROFESSIONALI

Possono essere individuati nelle strutture, appartenenti alla Pubblica Amministrazione oppure al settore privato, che si occupano: i) progettazione, realizzazione e gestione di semplici opere di ingegneria idraulica; ii) approvvigionamento e distribuzione della risorsa idrica e del gas. Gli sbocchi professionali includono l’esercizio della libera professione nei succitati settori di interesse.

Tecnici del controllo ambientale FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO

Analizza la qualità ambientale; collabora alla progettazione, realizzazione, gestione e controllo di sistemi per la tutela dell’ambiente e la difesa del territorio.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE

Il laureato in Ingegneria per l’ambiente e il territorio potrà svolgere tali funzioni grazie alle competenze acquisite in materia di analisi e caratterizzazione della qualità ambientale; identificazione e analisi di fenomeni di inquinamento; progettazione e gestione di impianti per la depurazione di acque, reflui ed effluenti gassosi; qualità e sicurezza ambientale.

SBOCCHI PROFESSIONALI

Possono essere individuati nelle strutture, appartenenti alla Pubblica Amministrazione oppure al settore privato, che si occupano della progettazione, realizzazione e gestione di sistemi di monitoraggio e controllo della qualità ambientale e della sicurezza. Gli sbocchi professionali includono l’esercizio della libera professione nei succitati settori di interesse.

Tecnici della raccolta e trattamento dei rifiuti e della bonifica ambientale FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO

Analizza la qualità ambientale con particolare riferimento ai potenziali effetti di fenomeni di contaminazione; sovrintende alla caratterizzazione di siti contaminati e agli interventi di bonifica; progetta sistemi di raccolta dei rifiuti; progetta e gestisce impianti per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE

Il laureato in Ingegneria per l’ambiente e il territorio potrà svolgere tali funzioni grazie alle competenze acquisite in materia di analisi e caratterizzazione della qualità ambientale; identificazione e analisi di fenomeni di inquinamento; caratterizzazione dei rifiuti; progettazione e gestione di servizi e impianti per la gestione dei rifiuti.

SBOCCHI PROFESSIONALI

Possono essere individuati nelle strutture, appartenenti alla Pubblica Amministrazione oppure al settore privato, che si occupano della pianificazione, progettazione, realizzazione e gestione di sistemi di gestione dei rifiuti, nonché di pianificazione ed esecuzione di interventi di caratterizzazione ambientale e bonifica di siti contaminati. Gli sbocchi professionali includono l’esercizio della libera professione nei succitati settori di interesse.

 

Sempre in termini schematici le conoscenze necessarie per la prosecuzione degli studi sono sintetizzate nella Tabella che segue:

 

Il corso prepara alla professione di (Codifiche ISTAT)

  1. Tecnici delle costruzioni civili e professioni assimilate – (3.1.3.5.0)
  2. Tecnici dell’esercizio di reti idriche e di altri fluidi – (3.1.4.2.2)
  3. Tecnici del controllo ambientale – (3.1.8.3.1)
  4. Tecnici della raccolta e trattamento dei rifiuti e della bonifica ambientale – (3.1.8.3.2)